OBIETTIVO FORMAZIONE – L’IDEA DI UN PERCORSO FORMATIVO

Angela lei é stata la PRIMA in Italia ed in Calabria ad introdurre nella sua accademia, ToBe Academy, il concetto di “PERCORSO FORMATIVO” per onicotecnico. Come é nata l’idea?   Essendo anche io un onicotecnico, prima che insegnante, sapevo quali erano le esigenze e quali le mancanze che ci potevano essere durante i singoli corsi. Proprio per questi motivi, ben due anni fa nasce l’idea di creare un “percorso” durante il uale l’alunna frequentando per sei mesi il primo percorso “Start Up” e consecutivamente per cinque mesi il percorso propedeutico “Professional Step”, potesse apprendere al meglio gli argomenti trattati. Infatti i percorsi sono strutturati con una divisione per singoli argomenti, dando la possibilità di capire e mettere in pratica im mediatamente quello che si impara, con la super visione dell’insegnate, in questo caso io, che segue ogni singola alunna fino al prossimo argomento da trattare. I percorsi formativi sono due, come ho anticipato prima, il primo di sei mesi ed il secondo di cinque mesi. Nel percorso formativo “Start Up” di sei mesi, intento a dare le basi principali ed importanti sia di struttura che di nail art; nei successivi cinque mesi con il percorso formativo “Professional Step” si aumenterá il livello e si perfezionerà il lavoro svolto precedentemente. L’esperienza, di questi due anni già trascorsi, mi ha fatto capire che è stata l’idea più bella che io potessi avere. Questo lo dico facendo riferimento ai risultati che hanno ottenuto le mie allieve e alla buona pubblicità che hanno fatto alla nostra Accademia. Inoltre mi ritengo soddisfatta e onorata che ad oggi molte altre accademie hanno apprezzato la mia idea e la stanno portando nelle loro aule.   Come deve essere un buon percorso? Quello che consiglio per riconoscere un buon percorso é sicuramente di affidarsi a realtà consolidate e riconosciute informandosi sull’accademia e cercando di capire se le allieve già diplomate hanno avuto uno sbocco lavorativo immediato e se sono state coinvolte in eventi del settore. È importante informarsi e capire il portfolio e le qualità dell’insegnante che terrà i corsi e s e esiste un contatto diretto la stessa per avere informazioni e consigli durante il percorso. Oggi esistono molteplici strumenti come i social network attraverso i quali è visibile non solo il lavoro fatto ma la qualità dello stesso. Inoltre ritengo sia importante valutare se il percorso in questione include anche argomenti di anatomia, igiene, comunicazione e marketing così da garantire una formazione a 360°; se il percorso é a numero chiuso per l’importanza di lavorare con il piccolo numero facilitando l’attività di studio, comprensione degli argomenti e l’assistenza da parte dell’insegnante delle allieve; se é incluso materiale didattico e se viene rilasciato un attestato o diploma. In ultimo è necessario valutare se concluso il corso l’accademia continua a darti assistenza.   Cosa cercano gli allievi oggi? Purtroppo, o per fortuna, oggi giorno nella nostra realtà ci sono molte persone che si improvvisano “onicotecnico” dopo aver seguito un tutorial on line. Quindi, proprio per questo, quello che inseguono le allieve oggi, e che noi cerchiamo di dare nei nostri percorsi, é quel qualcosa in più per fare la differenza. Quelle nozioni, quelle chicche e quei “segretucci” che solo seguendo un nostro percorso si possono conoscere e fanno la differenza. Inoltre inseriamo anche nozioni di marketing e comunicazione, e in ogni percorso ci dedichiamo alla nail art stagionale o a tema in base al periodo in cui ci troviamo, perché le clienti nei saloni sono sempre più esigenti, informate e curiose.   Su cosa punta lei durante i percorsi? Le mie alunne mi chiamano “Prof Hitler”, e ogni volta ci ridiamo un po’ su. Sono molto esigente con le mie allieve e penso che i percorsi formativi debbano avere due scopi, uno tecnico e uno motivazionale. Cerco di insegnare e di dare tutto quello che so, le sprono ogni giorno e se non fanno bene devono sbatterci su fino a riuscirci. Inoltre in ogni lezione c’é un arco di tempo in cui mi concentro sul ramo motivazionale, perché secondo me è molto importante. Far capire che non bisogna arrendersi mai. Un’ alunna mi scrisse un giorno: “Grazie Prof per tutto quello che mi hai insegnato, ma grazie soprattutto per avermi reso più sicura di me stessa…”   Cosa consiglia, in generale, alle allieve? Il mio consiglio ora è concentrarsi su quello che le appassiona di più in modo da avere un obiettivo ben chiaro così da scoprire prima e conoscere poi, qual è la strada migliore per raggiungerlo, quali i metodi e le modalità. Per fare ciò la mia parola d’ordine diventata anche quella delle allieve è: esercizio. Dopo aver frequentato un corso o un percorso bisogna esercitarsi, esercitarsi sempre, sperimentare, studiare ma alla fine esercitarsi fino allo stremo. E per ultima cosa, consiglio di rimanere umili e con i piedi per terra, perché non si finisce mai di imparare.                                                                                                                        

Leave a Reply


Categorie Articoli

ToBe Academy

La ToBe Academy di Lamezia Terme, vuole essere punto di riferimento ed eccellenza, per chi vuole seguire corsi specializzanti nel settore della bellezza e del benessere.
  • 392 726 2650
  • info@tobeacademy.it
Corsi

Parole Chiave

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra Cookie Policy e la nostra Privacy Policy. Proseguendo nella navigazione si accetta l'uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.